Arriva in Italia il campione e coach del Mongolian Wrestling "BÖKH"


1 febbraio 2019 - Tserendalai Bayarsaikhan sarà ospite dell'Istituto di Wushu per tutto il mese di febbraio 2019 per insegnarci le tecniche e i segreti della lotta mongola.



STORIA DEL BÖKH


La lotta mongola è una delle più leggendarie e antiche discipline marziali, e nasce originariamente come metodo di sviluppo delle qualità militari dei soldati del Khan.


Gli “imbattibili” eroi-guerrieri dei due schieramenti avversari si sfidavano in un combattimento Bökh, mettendo alla prova forza, destrezza e coraggio, l’esito del duello avrebbe determinato la vittoria della battaglia. Nella lotta mongola tradizionalmente il numero di lottatori che partecipano al torneo non deve superare i 1024. Le competizioni si svolgono in 9 fasi, che si chiamano "daava".

Dopo ogni daava, i combattenti che hanno perso vengono eliminati dal torneo. I vincitori di ogni fase ricevono titoli onorifici: "aslan" (leone), "zaan" (elefante), "nachin" (falco). Il più alto rango che il vincitore di tutte e 9 le fasi potrebbe ottenere nel torneo nazionale "Naadam" è il "avrag" (gigante).


L'Istituto di Wushu organizza corsi per insegnanti, mattina e pomeriggio, e stage nel weekend aperti a tutti i praticanti di arti marziali che vogliano imparare le tecniche della lotta Bökh.

Orario & Sede

01 feb 2019, 10:00 – 28 feb 2019, 18:00

Istituto di Wushu di Firenze, Via Agostino di Duccio, 17, 50143 Firenze FI, Italia